C.R.A. Centro Raccolta Arte

C.R.A. Centro Raccolta Arte

venerdì 26 maggio 2017

Anche il C.R.A. all'SMS di Pisa per Ugo Nespolo

La nostra Associazione è fra i promotori di questa importante operazione, legata all'opera dell'artista Ugo Nespolo, voluta e sostenuta dal Comune di Pisa




Ugo Nespolo
STORIE DI OGGI
a cura di Riccardo Ferrucci

SMS 
Centro Espositivo
San Michele degli Scalzi - Pisa 

dal 1 luglio 2017

....................................

Ente Promotore
Comune di Pisa
Marco Filippeschi, Sindaco
Andrea Ferrante, Assessore alla Cultura 


a cura di
Riccardo Ferrucci, Critico d’arte 

con la supervisione
Luca Masi, Architetto 

progetto, organizzazione e coordinamento
Maurizio Gazzarri, Capo Gabinetto del Sindaco
Marco Guerrazzi, Architetto Dirigente Direz. Edilizia Pubblica 

Luca Masi, Architetto
Roberto Milani, Casa d’Arte San Lorenzo 

C.R.A. Centro Raccolta Arte 

allestimento
Luca Masi, Architetto
Alessandro Peisino, Architetto Abet Laminati Sealt, Quarrata (PT) 


fotografie opere
Studio Nespolo 

rapporto con i media, relazioni esterne e ufficio stampa
Assessorato alla Cultura Comune di Pisa Ufficio Stampa Comune di Pisa
Filippo Lotti, FuoriLuogo - Servizi per l’Arte 


layout e progetto grafico
Filippo Lotti Riccardo Vannetti 

stampa
Luminarprint, Fornacette (PI) 

ringraziamenti
Abet Laminati

.......................



Ugo Nespolo “ Storie di oggi”
A volte le parole non bastano. E allora servono i colori. E le forme.
                                                                      E le note. E le emozioni.
                                                                  Alessandro Baricco 
        “ Castelli di rabbia” 
                                                                
L’intervento di Ugo Nespolo a Pisa nel complesso di San Michele degli Scalzi si realizza attraverso la composizione di quattro grandi decori murali  “Storie di oggi” : è soltanto l’ultima invenzione di un maestro dell’arte contemporanea che ha saputo, attraverso linguaggi, tecniche compositive e modelli scenici, creare un luogo visionario che parte dalla realtà, descrivendo il tempo e il  mondo con gli occhi del sogno e la fantasia. I congegni poetici ideati da Nespolo sono meccanismi perfetti, consentono di ripercorrere  la storia dell’arte in modo leggero, guardare al domani  senza dimenticare tradizione e radici.
L’arte povera e la pop art sono movimenti che segnano tappe importanti di un percorso artistico che trova pochi paragoni in Italia, perché Nespolo non rimane mai prigioniero o catalogabile all’interno di una singola corrente, riesce sempre a mantenere un proprio linguaggio e una reale autonomia creativa. Il suo cinema sperimentale  è segnato dalla lunga amicizia con figure di primo piano dell’arte italiana, da Enrico Baj a Fontana, da Pistoletto a Boetti, che saranno anche gli interpreti di molti suoi film.
I numerosi rapporti internazionali lo legano idealmente alla figura di Keith Haring  che realizza a Pisa il  grande murale “Tuttomondo”, e, adesso, viene naturale pensare che i grandi decori di “ Storie di oggi”, realizzati da Nespolo per gli spazi esterni di San Michele degli Scalzi, dialoghino, in modo ravvicinato, con l’opera dell’artista americano.
Nespolo  appare come un moderno alchimista che cerca di ridare ordine alla realtà, ricomporre un significato in un luogo dominato dal caos, creare un racconto logico da frammenti sparsi di parole. Costruire una storia possibile  tra il disordine dell’età contemporanea.  “ Ho sempre rifuggito – ricorda Nespolo – l’orrore del pittore monosoggetto, quella  figura d’artista non tanto remota che si chiude in una cifra da ripetere sinché morte lo colga. Mi sono lasciato purtroppo  trasportare da una sorta di flusso della fantasia e le mie opere si generano come in una fantasyland  senza fine, ma non senza fatica.”
“A volte le parole non bastano. E allora servono i colori. E le forme. E le note. E le emozioni.” suggerisce Baricco e Nespolo, quasi seguendo questa indicazione, ha creato un mondo a colori che  parte dal reale, ma che invita a guardare oltre, a superare ogni ostacolo, per arrivare nel luogo magico della poesia. Nespolo attraverso le sue opere pittoriche, le sculture, il cinema, la pubblicità, le installazioni, ha sempre mantenuto una coerenza profonda, una sottile linea rossa che unisce, in modo armonico, creazione e stile, tradizione e innovazione, realtà e sogno, vita e morte.
Nespolo ha iniziato il suo lavoro artistico nel lontano 1966 , ma  è stato capace di conservare  dentro di sé una freschezza compositiva che capita raramente di incontrare; il suo universo pittorico è in una continua mutazione, è un’artista che  osserva la realtà per trasfigurarla e ricomporla in modo lirico.
Nei quattro grandi decori pisani compaiono molti elementi della nostra civiltà:  dal telefonino agli strumenti musicali, dalle astronavi alla bandiera dell’Europa, dagli animali alle colonne antiche, dal denaro ad un traliccio elettrico, dalle figure di ballerine ad una serie di stelle, dalle pagine di un libro alle nuvole. Il totale scenico è costruito, con sapiente naturalezza, da elementi diversi che riescono  a ricomporsi magicamente in un mosaico unico che diventa vita, emozione, movimento. Noi spettatori siamo  come invitati ad entrare direttamente nell’opera, in questo universo incantato, creato per noi dall’artista, protagonisti attivi di questa realtà virtuale.
Scrive Nespolo: “ Forse artisti si nasce. Certo molto si diventa. Nella mia vita ed in particolare in quella artistica che tutto ingloba posso dire che una gerarchia d’importanza esiste e che di preminente c’è una sorta di ottimismo del fare, un desiderio di percorrere una strada da inventare, un moto verso ciò che sembra prossimo .”
Nella sua storia Nespolo ha incontrato scrittori e artisti, critici e musicisti, filosofi e scienziati rispondendo in modo intelligente alle provocazioni del suo tempo e diventando un vero protagonista della cultura contemporanea. Quando progetta un murale, una scultura, la facciata di una banca o l’interno di una stazione ferroviaria, rimane sempre fedele a se stesso, all’idea di un’arte che ci porta a riflettere sul nostro mondo, ad interrogare le ragioni profonde del vivere e dello stare insieme. Ama la storia dell’arte ed il passato, ma è pure capace di immaginare e guardare al domani, al futuro, con la sensibilità del poeta.
 Viaggiare nello spazio e nel tempo in sua compagnia, con la sua arte, è un’esperienza emozionante : un affabulatore che  racconta la storia, il passato, il futuro, il domani, con raffinata sensibilità, con gli strumenti comunicativi più moderni,  ma con una profondità di stile e tecnica unici. Nota  Guido Almansi : “ Nespolo è certamente un artista d’avanguardia, ed è anche il più tradizionale, che difende il ben disegnato, il ben fatto, il ben rifinito, il ricco e prezioso.”
 Nespolo è molte cose tutte insieme : viaggia nell’intreccio della società contemporanea trovando un suo filo per uscire dal labirinto e descrive, per noi spettatori, le ragioni profonde dell’arte, del vivere, dello scoprire chi e cosa in mezzo al caos non è caos. Il suo originale percorso artistico tende a vedere, in modo nuovo, l’immagine della realtà e dargli spazio, farla durare, rendere visibile il non visibile, il non detto, quello che resta segreto, aprire alla fine il cuore al mondo dei sogni e della fantasia.

                                                                                                    Riccardo Ferrucci

lunedì 22 maggio 2017

Tiziano Lucchesi al C.R.A.



In occasione della NOTTE NERA di San Miniato, la sera del prossimo 10 giugno, il C.R.A. ospiterà la prima mostra personale di Tiziano Lucchesi.

Il giovane artista (classe 1976), dopo essersi diplomato all'Accademia di Belle Arti di Firenze nel 2000, si è sempre dedicato all'insegnamento, coltivando comunque la passione per il disegno e la pittura. Dopo lunga riflessione ha sentito la necessità di confrontarsi con il pubblico e a seguito di qualche precedente rara e fugace apparizione, ecco il concepimento di questa sua prima mostra personale. Una mostra comunque particolare, un ONE NIGHT SHOW, concepito ed ideato per questa singolare occasione.

Lo stesso artista scrive del suo fare arte:

"Anche se ho sempre dipinto non ho mai dedicato tempo alle mostre, se non in rare circostanze.

La mia è una costante ricerca materica e una perpetua indagine figurativa, costruendo l'opera dal supporto ai leganti dei colori, alternando e mixando molte tecniche in uno stesso dipinto.

Amo i grandi formati, i soggetti sono sempre figurativi e spesso contemporanei, ma le tecniche di contro sono invece quelle storiche, preparate con le ricette tradizionali tramandatesi nei manuali antichi, con particolare attenzione al buon fresco, la mia tecnica preferita.

Questo è ciò che mi è sempre piaciuto fare e grazie all'insegnamento riesco ad immergermi e dedicarmi al disegno e alla pittura ogni giorno evolvendo anche io con loro."

Tiziano Lucchesi nasce a San Miniato e vive e lavora a Firenze


TIZIANO LUCCHESI
C.R.A.
Centro Raccolta Arte
10 giugno 2017
18'00 - 24'00
Torre degli Stipendiari
via Conti, San Miniato

per info:

venerdì 19 maggio 2017

Il C.R.A. e la Mille Miglia



Domani, 20 maggio, in occasione del passaggio delle Mille Miglia nel centro storico di San Miniato, il C.R.A. sarà aperto con una sorpresa... passate a trovarci.


sabato 29 aprile 2017

Il CRA segnala.... il 7 maggio a San Miniato #openMuseo

Il C.R.A. Centro Raccolta Arte promuove questa lodevole iniziativa del
Sistema Museale di San Miniato.
A tutti i soci e simpatizzanti della nostra Associazione, chiediamo quindi, all'atto della prenotazione e se interessati, di prenorarsi specificando l'Associazione di appartenenza. Il numero di posti è limitato!


 
il Sistema Museale di San Miniato vorrebbe informare e soprattutto invitare i vostri associati all'iniziativa #OPENMUSEUM che si terrà Domenica 7 maggio a Palazzo comunale. L' evento è gratuito e prevede visite guidate, svolte dagli studenti dell'Istituto Cattaneo, su prenotazione per un massimo di 20 persone, a partire dalle 10:30Accompagnati dai ragazzi sarà possibile ammirare la sala delle 7 virtù e la sala del Consiglio.
Dalle 15.00 alle 16.00 sarà inoltre possibile visitare gratuitamente l’Oratorio del Loretino, dallo scorso anno sottoposto a un intervento di restauro, e parlare con i restauratori che illustreranno le procedure e le problematiche del complesso lavoro.

Di seguito l'orario delle visite:
10:30-11:15
11:30-12:15
12:30-13:15
14:15-15:00
15:00-16:00  presenza dei restauratori
16:00-16.45

Gli associati interessati avranno la precedenza. 
Si prega di prenotare entro il 2 maggio.
 
INFO E PRENOTAZIONI: sistemamuseale@comune.san- miniato.pi.ittel. 348 7187908
 

giovedì 27 aprile 2017

Il C.R.A. ed il Lucca Art Fair



Dal 5 all'8 maggio, a Lucca, si svolgerà la seconda edizione del Lucca Art Fair, l'evento fieristico d'arte moderna e contemporanea più vicino a noi.

Il C.R.A. offre l'opportunità a tutti gli associati e ai simpatizzanti della nostra associazione, l'opportunità di entrare gratuitamente alla manifestazione nella giornata di sabato 6 maggio e visitare gli stand di oltre 30 gallerie d'arte provenienti da tutto il territorio nazionale ed avere così una visione il più completa ed esaustiva di quello che offre la scena del contemporaneo in Italia.

Per prenotarsi ed avere maggiori informazioni scrivete a:

centroraccoltaarte@yahoo.com

martedì 28 marzo 2017

Anche il CRA per ON DEMAND... personale di Matteo Nuti

Anche la nostra Associazione fra i promotori di questa importante personale, curata da Ivan Quaroni, dell'artista Matteo Nuti a Lucca








ON DEMAND

personale di Matteo Nuti

a cura di Ivan Quaroni


Chiesa del SS. Crocifisso dei Bianchi - Lucca

21/4/2017 - 8/5/2017




ON DEMAND è una serie di 15 quadri dipinti tra il 2015 ed il 2016, suddivisi in gruppi di 3 opere che indagano come è cambiata la percezione del tempo e dello spazio nell'era della modernità liquida e della post-verità. I dipinti, realizzati con il mix dei media più recenti, riflettono sull'intensità sintetica della cultura contemporanea navigando nella nostra storia recente.




Ingresso libero



info

galleria@arte-sanlorenzo.it

0571-43595



organizzazione
Casa d'Arte San Lorenzo




in collaborazione con CRA Centro Raccolta Arte










Bio




Matteo Nuti nasce a Bientina (Pi) nel 1979, nel 2005 si trasferisce a Milano e nel 2012 a Roma. Dal 2016 dipinge e lavora la terra nella campagna toscana.




Mostre e Collaborazioni




2016 FreshPaint Magazine n°12

2015 Fragile – Cappella Belgiojoso, Catania

2013 Un homme juste est quand même un homme mort – Palais De Tokyo, Paris

2012 These Peanuts are Bullets – Family Business Gallery , Chelsea, New York

2011 Maurizio Has Left the Building – (Matteo Nuti/Pierpaolo Ferrari) Le Dictateur, Milano

2010 WE Are Not Ready – Le Dictateur, Milano

2009 Biennal of Young Artist from Europe and Mediterranean BJCEM – Museum of Contemporary Art Skopjie, Republic of Macedonia

2008 Morfologie (Matteo Nuti and Marco Mazzone) a cura di Ivan Quaroni – K Gallery, Legnano, Milano

2006 Celeste Prize – Museo Marino Marini, Firenze






Il suo lavoro è stato pubblicato e promosso da
LE DICTATEUR, TOILET PAPER MAGAZINE, GUGGENHEIM MUSEM NY, BOOOOOOOM.COM, THE LUCKY JOTTER, ABITARE, FLASH ART Italia, ROLLING STONE Italia.


evento fb
https://www.facebook.com/events/424697144529709/

domenica 26 marzo 2017

Anche il CRA per la nuova mostra di Domenico Di Genni a Roma...

Anche la nostra Associazione, è fra i promotori della mostra personale dell'artista abruzzese, Domenico Di Genni, ETERE, che aprirà i battenti il prossimo 28 aprile a Roma.
L'esposizione, curata dal nostro Presidente, Roberto Milani, resterà aperta al pubblico fino al prossimo 3 maggio

 

ETERE
personale di Domenico Di Genni
a cura di Roberto Milani

28/4/2017 - 3/5/2017

Roma Free Lounge
piazza Aracoeli, 16 - Roma

Org. Casa d'Arte San Lorenzo
info
galleria@arte-sanlorenzo.it
0571-43595

in collaborazione con il C.R.A. Centro Raccolta Arte


ETERE
Negli ultimi anni ho portato avanti una ricerca artistica che raccontava, attraverso rappresentazioni figurative, le necessità e la bellezza degli individualismi etnici ed antropologici che rendono unico l’uomo, i luoghi e lo spazio che ci circonda.
I nostri spazi, i nostri abiti, i nostri desideri ed ambizioni sono forme plasmate dalla nostra formazione culturale e sono linee che circoscrivono e disegnano la forma della nostra presenza umana.
Le mappe sono i nostri volti ed i nostri volti le nostre mappe, il nostro luogo ed il nostro tempo ci disegnano e noi al tempo stesso, con le nostre azioni ed i nostri tempi, plasmiamo il mondo.
Una eterna sinergia tra l ‘uomo e l’universo, tra creato ed artefatto, tra natura ed arte.
L’impegno e la responsabilità degli artisti è soprattutto quello di riuscire a narrare e rappresentare al meglio il proprio tempo, utilizzando tecniche e linguaggi universali dell’arte ma soprattutto gli strumenti e le conquiste del suo presente.
Il mio tempo ê caratterizzato da un profondo cambiamento, da iconografie nuove, da forme e linguaggi digitali, da automatizzazioni e globalizzazioni.
Una rivoluzione totale,
La rivoluzione digitale.
Il valore dell’immagine è ricambiato nuovamente ed è cambiata la valenza che noi diamo all’immagine stessa.
In questo mio nuovo ciclo pittorico cerco di rappresentare la maniera in cui il filtro tecnologico e digitale cambia il nostro volto ed i nostri individualismi.
Cercando di mantenere ben ferme le mie radici nel fare pittura cercando di usare le gestualità e gli alfabeti tipici della pittura stessa per riproporre immagini filtrate e rimodellate da artefatti ed aberrazioni tipiche dell’universo tecnologico.
L’ immagine dipinta divenne dagherrotipo in rivoluzione industriale e l’immagine fotografica diventa algoritmo con la rivoluzione digitale.
La sua essenza e la sua valenza passa attraverso vie astratte e informi, via wi-fi, bluetooth, via satellite, via cavo e via etere.
ETERE
Il senso tecnico del termine etere racconta la maniera in cui l’immagine del mio tempo si produce e si diffonde, l’energia che contiene, sposta e condivide i dati che la compongono.
Oppure, il senso letterario del termine ETERE è quello della quintessenza, dello spazio puro e limpido del cosmo, è l’elemento trasparente ed intangibile che riempie il vuoto, E’ l’elemento mancante per la creazione della pietra filosofale, è il luogo alchemico e magico dove vanno le anime, è la spiritualità dell’io e del nostro legame alla terra ed alla concretezza del mondo solido.
Ê l’elemento e l’essenza che tiene insieme gli altri, Aria, Terra, Fuoco, Acqua.
Il collante mistico e spirituale del mondo. La quinta punta della stella.
È nel mio caso l’energia che mi lega all’opera, quella impercettibile presenza tra la punta del pennello e la tela, quell’illusione e quella necessità che mi mantengono artisticamente vivo.
Nella mia ricerca pittorica ho utilizzato spesso segni e simbologie che rimandavano ad alfabeti tradizionali universali.
In questo progetto utilizzo le forme, i simboli e le aberrazioni visive generate dall’immagine via etere come nuovi accorgimenti estetici.
Pixel, strisce, sfumature, tagli, bruciature cromatiche, casualità ed errori generati da algoritmi, riproposti come valore aggiunto all’immagine dipinta.
Vi è una volontà di rappresentare la maniera in cui l’ uomo e la natura vengono oggi filtrate e rigenerate attraverso la quintessenza e la mistica consistenza universale dell’ ETERE.

Marzo 2017
Domenico Di Genni